ARREDAMENTO SHABBY CHIC: COSA DEVI SAPERE

arredamento scandinavo
ARREDAMENTO SCANDINAVO: COSA DEVI SAPERE
giugno 23, 2016
arredamento casa moderno
ARREDAMENTO MODERNO: COSA DEVI SAPERE
settembre 8, 2016

ARREDAMENTO SHABBY CHIC: COSA DEVI SAPERE

arredare casa shabby

Spesso associato ad un gusto prettamente femminile, questa tendenza ha radici recenti e inaspettate. Il termine, che letteralmente significa “trasandato elegante”, è stato coniato dal famoso magazine inglese “The world of Interiors” nel 1980 aprendosi poi la strada negli anni 90’ in America, in particolare in West Coast, dove gli echi dello stile europeo di stampo provenzale hanno dato luogo a questa reinterpretazione.
Il riciclaggio di mobili antichi è diventato infatti molto popolare tra i moderni Bohemians e artigiani che ne hanno fatto un movimento contro-culturale negli stessi anni, quando l’arredamento di qualità e dal costo elevato è diventato molto di moda tra gli Yuppies e la classe media.

Arredamento Shabby Chic: colori e atmosfere

colore shabby chic
Il vocabolario Shabby richiede in primis termini come “provenzale” e “cottage” ma, per non rimanere a corto d’ispirazione, è sempre buona cosa impostare il filtro di Instagram in modo molto luminoso, quasi sovraesposto. Per tutti gli appassionati del “blue Tiffany” buone notizie: le tinte tenui sono indicate purché abbiano quel tocco di allure tipico del brand Americano.

Questi pattern producono atmosfere tipiche delle grandi case di campagna dove vecchi e sbiaditi divani, grandi tendaggi e vecchie pitture conferiscono buon gusto senza pretese. Il risultato finale ha una resa molto elegante e contrapposto al sentimentalmente Pop vittoriano.


Arredamento Shabby Chic: materiali e finiture

arredi shabby chicIl legno e il lino sono i due materiali che regnano indiscussi nella casa Shabby Chic. Le vernici dei mobili non dovranno essere necessariamente perfette, ma dovranno dare l’impressione che i mobili sono stati recuperati dalla soffitta della nonna: i segni di usura danno all’arredamento un’aria romantica. Molto spesso se il budget è risicato, capiterà di dover cercare ai mercatini delle pulci o nei magazzini delle associazioni che recuperano mobili e oggetti dalle vecchie case. Quindi tieni gli occhi aperti: il tuo pezzo migliore si trova spesso proprio li.

Arredamento Shabby chic: caratteristiche distintive ed esempi

Abbiamo parlato delle origini di questa tendenza soffermandoci sulle atmosfere e sui colori. Ma quali sono le tre caratteristiche distintive di un allestimento Shabby Chic?

I. I muri: superfici murali dipinte o sfondi a motivi geometrici.
L’utilizzo di una carta da parati rimane il modo più popolare ed economico per migliorare il fascino della tua casa e aggiungere tono ai colori. Non c’è modo più facile per far morire d’invidia i tuoi vicini.

II. I mobili: un mix di nuovo e usato
Non è necessario comprare del mobilio nuovo, molto spesso le realizzazioni migliori sono il risultato d’interventi di restauro effettuati su mobili antichi o semplicemente vetusti.

Armati quindi di carta vetrata, pennello, rullo di spugna, cementite e smalto ad acqua: se ami il “fai da te” passerai una giornata divertente reinventando i tuoi mobili.

III. L’elemento caratterizzate
In ogni stanza arredata in stile Shabby salta sempre all’occhio un arredo in particolare, sia esso un mobile di grande carattere o una minuzia posizionata appositamente per attirare l’attenzione. Serve un mobile che da solo caratterizzi di molto l’ambiente, come ad esempio un letto in ferro battuto o, perchè no, un grande orologio con numeri romani come quello che trovate nell’immagine qui sotto. Questo elemento non deve distogliere lo sguardo sui particolari rifiniti dell’arredo ma contribuisce a dare personalità e carattere alla stanza che a primo impatto sembra più viva ed accogliente.


Arredamento Shabby Chic: l’elemento che non può mancare

fiori stile shabbyCiò che assolutamente non può mancare in un arredamento Shabby Chic è l’elemento decorativo. Fiori dai toni delicati, come ortensie, rose e camelie e qualche mazzo di lavanda qua e la, costituiscono l’immancabile tocco di grazia.

Gli oggetti “fai da te” sono il corollario perfetto per ambienti unici e distintivi: una cornice di conchiglie o un centro tavola daranno alla vostra cucina un tocco naturale e raffinato.

Se vi piace l’argento, recuperate qualche vecchia cornice, risulterà perfetta per adornare pareti o riempire le mensole con foto di famiglia e immagini dal tema agreste di fiori, frutta, paesaggi.

E quando scendono le tenebre ricorda che tutto il lavoro fatto non dovrà essere vanificato. Niente lampade a neon o articolate scelte d’illuminazione, una candela è quel ci vuole!

Se non hai ancora idee chiare su come vuoi arredare la tua casa, contattaciRiusciremo sicuramente a guidarti nella scelta!

Comments are closed.